Home RicorrenzeNovembre Il Giorno della Libertà per ricordare la caduta del Muro di Berlino
Murales sul muro di Berlino

Il Giorno della Libertà per ricordare la caduta del Muro di Berlino

di Redazione

Il 9 novembre in Italia è il Giorno della Libertà che ricorda l’abbattimento del Muro di Berlino del 1989. La caduta del Muro ha portato all’apertura delle frontiere e alla riunificazione della Germania, e corrisponde alla fine della guerra fredda e della cortina di ferro.

Il valore simbolico del Giorno della Libertà

Il Muro di Berlino era il simbolo concreto della cortina di ferro, l’immaginaria linea di confine tra l’Europa occidentale. La NATO lo controllava militarmente. Stati Uniti, Francia e Regno Unito, insieme all’Europa orientale filosovietica del Patto di Varsavia, influenzavano invece la politica dietro al confine.

Ora sembra storia lontanissima, ma i tuoi lettori adulti si ricordano sicuramente la contrapposizione di est “occidentale” e ovest “comunista”. Questa dicotomia era diffusissima durante il periodo della guerra fredda, durato circa quattro decenni!

Il Giorno della Libertà comunque celebra l’anniversario dell’abbattimento del Muro di Berlino come simbolo di liberazione. La frontiera tra Berlino Ovest da Berlino Est era infatti l’elemento visibile che impediva ai tedeschi dell’Est di abbracciare le famiglie a Ovest.

Il Muro di Berlino nella Storia europea

Le generazioni più giovani sono cresciute con una sola Germania unita e frontiere libere quindi potrebbero non essere a conoscenza di questa recente pagina di Storia. Nei tuoi contenuti online per il Giorno della Libertà puoi ripercorrere gli eventi che hanno portato alla costruzione e alla successiva caduta del Muro di Berlino.

Le frontiere tedesche ai tempi del Muro di Berlino

Il Muro di Berlino divise in due la capitale tedesca per ben 28 anni, dal 13 agosto del 1961 al 9 novembre 1989, giorno in cui furono riaperte le frontiere tra le due Germanie. I tedeschi della Germania Est fino al 1989 non potevano uscire dalla DDR!

Pochi mesi prima della caduta del Muro, l’Ungheria aveva già aperto le frontiere con l’Austria. In questo modo molti tedeschi dell’Est riuscirono a espatriare legalmente: fino a quel momento infatti potevano circolare solo nei Paesi dell’Europa orientale.

La caduta del Muro di Berlino

Il Muro tra Berlino Ovest e Berlino Est era una frontiera fortificata militarmente e composta da due muri paralleli di cemento armato. Al centro dei due muri c’era uno spazio neutro di alcune decine di metri. Viene ricordato come “striscia della morte” per l’alto numero di persone morte mentre cercavano di scappare a Ovest.

Riassumendo al massimo gli eventi, la caduta del Muro di Berlino avvenne dopo diverse settimane di disordini, in un momento di crisi politica della stessa DDR. Puoi dare ai tuoi follower anche la notizia curiosa del caos generato da una conferenza stampa gestita in modo approssimativo.

L’evento scatenante la caduta effettiva del muro fu la domanda del giornalista italiano Riccardo Ehrman durante la conferenza stampa del 9 novembre 1989. Alla richiesta su quando sarebbe entrato in funzione il nuovo regolamento di frontiera tra le due Germanie, Günter Schabowski, responsabile dell’informazione del partito che non aveva ricevuto informazioni dal Politbüro, rispose:

a quanto ne so io, subito, da ora

dando il via a un imprevedibile effetto domino. Le sue parole infatti vennero lette come la decisione di aprire il confine con la Germania Ovest e spinsero una moltitudine di persone a recarsi presso la frontiera del Muro. Le guardie di confine stesse non avevano ricevuto indicazioni per cui aprirono i checkpoint e i berlinesi dell’Est si riversarono a Ovest senza nessun controllo!

Il 9 novembre 1989 è considerata la data ufficiale della caduta del Muro di Berlino, che portò alla riunificazione tedesca l’anno successivo. Nei tuoi contenuti online puoi anche raccontare l’effettivo abbattimento del Muro. Nelle settimane successive la folla iniziò ad abbattere parti del Muro di Berlino. Quindi venne impiegata attrezzatura industriale per demolirne le parti restanti.

Cosa pubblicare sui social network per il Giorno della Libertà

In diverse città italiane vengono organizzate celebrazioni per ricordare la caduta del Muro di Berlino. Condividi queste info locali con i tuoi lettori. Se ti occupi di viaggi, racconta invece le attività per questa ricorrenza proprio a Berlino.

Altre idee di contenuti per il Giorno della Libertà vissuto a Berlino: i pezzi di Muro come souvenir di culto spesso contraffatto, i tratti del Muro rimasti in piedi, il Museo del Muro, o ancora l’iconico e turistico checkpoint Charlie.

La caduta del Muro di Berlino è un evento storico, tuttavia puoi presentarlo anche attraverso film su come si viveva in Germania prima e dopo:

  • Good Bye, Lenin! ha fatto conoscere al mondo occidentale l’Ostalgia, la nostalgia della vita nella ex DDR
  • Le Vite degli Altri è un intenso film sui metodi di controllo della Stasi nella Germania Est
  • Der Tunnel cracconta le peripezie per la costruzione di un tunnel destinato a far fuggire dalla DDR i famigliari rimasti dall’altra parte della frontiera

Per celebrare il Giorno della Libertà in modo più leggero, racconta la presenza del Muro di Berlino nei Musei dell’Automobile di tutto il mondo, grazie alle iconiche vetture Trabant e Isetta. Per esempio, al Museo BMW di Monaco c’è una BMW Isetta modificata per permettere la fuga di persone nascoste sotto il sedile, mentre il Museo dell’Automobile di Torino racconta il successo e il declino della Trabant, vettura simbolo della Germania Est.

Hashtag da utilizzare per il Giorno della Libertà

Il Giorno della Libertà è una celebrazione ancora poco presente sui social. Usando l’hashtag #GiornoDellaLibertà puoi raggiungere subito le persone interessate a questo contenuto!

Quando cade il Giorno della Libertà

Il Giorno della Libertà è stato istituito dal Parlamento italiano nel 20o5:

la Repubblica italiana dichiara il 9 novembre Giorno della Libertà quale ricorrenza dell’abbattimento del Muro di Berlino, evento simbolo per la liberazione di Paesi oppressi e auspicio di democrazia per le popolazioni tuttora soggette al totalitarismo.

La ricorrenza è celebrata il 9 novembre di ogni anno, per ricordare l’abbattimento del Muro di Berlino il 9 novembre 1989. Salva il Giorno della Libertà sul tuo piano editoriale e inizia a pianificare contenuti sulla Storia europea recente.

📍 Salva su Pinterest

Il Giorno della Libertà per ricordare la caduta del Muro di Berlino
.
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Leggi anche

Questo sito internet usa i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetto Più info