Home RicorrenzeGennaio Blue Monday: il giorno più triste dell’anno
Ragazza triste, foto Rafael Barros

Blue Monday: il giorno più triste dell’anno

di Redazione

Il Blue Monday cade ogni terzo lunedì di gennaio ed è universalmente considerato il giorno più triste dell’anno. Nato come trovata pubblicitaria è diventato subito virale e a gennaio tutti i social media e le pubblicazioni si riempiono di #BlueMonday e consigli per sopravvivere alla tristezza.

Cosa pubblicare su blog e social network per il #BlueMonday

Il Blue Monday originale, una brillante trovata pubblicitaria di Sky Travel, mirava a incrementare le vendite di viaggi nel periodo successivo alle vacanze natalizie per contrastare la tristezza del giorno più cupo dell’anno. Successivamente altre aziende hanno rilanciato al bufala del #BlueMonday facendo diventare virale questa giornata.

Intorno al Blue Monday i social network e le pubblicazioni si riempiono di consigli per sconfiggere la tristezza. Tu stesso puoi creare la tua personale lista di soluzioni per far tornare il buon umore ai tuoi lettori.

I classici suggerimenti per sopravvivere alla malinconia di gennaio ti ricordano di praticare attività fisica per stimolare la produzione di endorfine, dimenticare la dieta per concederti una cena o dolce speciale, circondarti di persone positive e in generale fare ciò che ami. Crea per i tuoi follower una lista di attività piacevoli legate ai contenuti dei tuoi canali.

Hashtag da utilizzare per il #BlueMonday

L’hashtag del Blue Monday è #BlueMonday, ma se ti occupi di coaching puoi collegare i tuoi contenuti per il giorno più triste dell’anno a #MotivationMonday e creare un appuntamento fisso di pensieri positivi e motivazionali a inizio settimana.

Come è nato il Blue Monday

Il Blue Monday è nato nei primi anni 2000, promosso come una ricerca scientifica in grado di identificare il giorno più triste dell’anno con un calcolo matematico. L’equazione metteva in relazione variabili come il calo motivazionale dopo le feste, i sensi di colpa per i soldi spesi a Natale, il meteo, l’inizio di una nuova settimana lavorativa e la mancata realizzazione dei buoni propositi.

In realtà il Blue Monday era solo una trovata pubblicitaria di Sky Travel, il canale televisivo del gruppo Sky UK dedicato ai viaggi, e la “ricerca” firmata da Cliff Arnall il comunicato stampa aziendale, presentato a diversi accademici in cerca di paternità per dare lustro all'”equazione”.

Nella sua campagna pubblicitaria, il Blue Monday fu presentato come il calcolo preciso della in cui il livello di umore era più basso, con lo scopo di aiutare le compagnie di viaggio ad aumentare le prenotazioni visto che i clienti sembravano più propensi a prenotare un viaggio quando si sentivano giù.

In seguito il giornale britannico The Guardian scoprì la bufala del comunicato stampa spacciato per ricerca scientifica e lo stesso Cliff Arnall dichiarò a distanza di qualche anno, di essere stato pagato per firmare su uno studio già scritto e privo di fondamento scientifico.

Cliff Arnall in seguito firmò anche una formula analoga per calcolare il giorno più felice dell’anno, intorno al Solstizio di Primavera, per conto dell’azienda Wall’s che produce i gelati Algida, ma non ebbe la stessa popolarità di quella del #BlueMonday.

Quando ricorre il Blue Monday

Il Blue Monday cade ogni terzo lunedì di gennaio ed è una data variabile da aggiornare ogni anno nel tuo calendario editoriale. I prossimi Blue Monday avranno queste date:

  • 16/01/2023
  • 15/01/2024
  • 20/01/2025
.

Leggi anche

Questo sito internet usa i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accetto Più info